CST_NORMA_ANTINCENDIO-150x150.png
20 / 09 2018

Rifacimento Facciata e Norma Antincendio: Ecco i Requisiti

0 Comment Maurizio Calzolari

Anche il rifacimento della facciata condominiale deve rispettare i requisiti per la sicurezza antincendio. A prevederlo è la bozza di regola tecnica integrativa del DM 246/1987 per l’adeguamento alla normativa di prevenzione incendi di edifici di civile abitazione con altezza superiore ai 12 metri, di cui ho già parlato qui.

Tra le nuove misure preventive da applicare, infatti, compare anche la valutazione dei rischi di incendio in caso di progettazione o rifacimento delle facciate condominiali. Di quali interventi parliamo? Per esempio di modifiche alle finiture, al rivestimento, o all’isolamento termico e acustico di una facciata.

Obiettivi dei requisiti antincendio per il rifacimento facciate condominiali

La bozza di regola tecnica ha degli obiettivi ben precisi nella prevenzione degli incendi:

  • “Limitare la probabilità di diffusione di un incendio sorto all’interno dell’edificio e causato da fiamme o fumi caldi fuoriusciti da vani, aperture, cavità verticali, interstizi tra la testa del solaio e la facciata o tra la testa di una parete di separazione antincendio e la facciata, con il conseguente coinvolgimento di altre parti che non erano ancora state interessate dall’incendio.
  • Limitare la probabilità di incendio di una facciata e la conseguente diffusione a causa di un fuoco esterno, generato in un edificio confinante o a livello stradale
  • Limitare (o evitare) in caso di incendio, che possano cadere pezzi di facciata che potrebbero impedire l’evacuazione e l’intervento dei soccorsi.”

Norma antincendio: i 4 livelli di prestazione

La norma individua quattro livelli differenti di prestazione in base all’altezza antincendi dell’edificio:

  1. P. 0 per gli edifici di altezza antincendi da 12 metri a 24 metri;
  2. P. 1 per gli edifici di altezza antincendi da 24 metri a 54 metri;
  3. P. 2 per gli edifici di altezza antincendi da oltre 54 metri fino a 80 metri;
  4. P. 3 per gli edifici di altezza antincendi oltre 80 metri.

Ciascuna categoria prevede compiti e funzioni del responsabile dell’attività antincendio e degli occupanti. In particolare, spetta ai responsabili dell’attività antincendio identificare le misure di sicurezza e informare gli occupanti sui comportamenti da tenere in caso di incendio, oltre ad altri compiti in base all’altezza dell’edificio.

Adeguarsi a questi requisiti conviene tanto per garantire la sicurezza dei condomini, quanto per non incorrere in problemi con il proprio comune.

Vuoi adeguarti alla norma antincendio? Contattaci subito per garantire la conformità del tuo edificio. La verifica sulle facciate è inclusa nel nostro servizio CIS (Certificato di idoneità Statica).

Leave Comments

19 − 12 =

Top