manutenzione-caldaie-cortona-150x150.jpg
17 / 12 2018

Revisione Caldaia e Bollino Blu: 5 Cose che Devi Sapere

0 Comment Maurizio Calzolari

L’inverno è ormai arrivato e non c’è periodo migliore per parlare dell’importanza di effettuare una corretta manutenzione e revisione della caldaia. Mai come in questi mesi, infatti, ricevo così tante chiamate e messaggi da amministratori che hanno bisogno di chiarimenti sulla normativa del bollino blu. Per questo ho deciso di fare a tutti un regalo di Natale scrivendo una breve guida sull’argomento.

1. Cos’è il bollino blu della caldaia?

Il bollino blu è il certificato di revisione della caldaia. Con l’entrata in vigore della nuova normativa, tale certificazione è resa obbligatoria a livello nazionale per ogni sistema di riscaldamento a caldaia ed è disciplinata dal D.Lgs 311/06.

2. A cosa serve il bollino blu?

Effettuare la revisione della caldaia come previsto dalla normativa ha lo scopo di attestare il corretto funzionamento dell’impianto. In particolare, andrà a verificarne:

  • l’efficienza energetica
  • la performance termica
  • la sicurezza
  • il livello di inquinamento

3. Quando e ogni quanto va fatta la revisione della caldaia?

Il primo bollino blu “va fatto” all’acquisto della caldaia, o più precisamente alla prima accensione della caldaia. Successivamente il decreto n. 192/2005 prevede che il certificato venga aggiornato periodicamente. Nello specifico, la periodicità della revisione del sistema di riscaldamento dipende dalla tipologia, della posizione e degli anni della caldaia installata.

  • Obbligo ogni 4 anni per le caldaie esterne con meno di 8 anni e potenza minore di 35 kW.
  • Obbligo ogni 4 anni per le caldaie a camera stagna con meno di 8 anni e potenza minore di 35 kW.
  • Obbligo ogni 2 anni per le caldaie di ogni tipo installate da più di 8 anni.
  • Obbligo ogni anno per le caldaie a combustibile solido (come legna o pellet), a combustibile liquido (come GPL o gasolio), e in generale non a gas, indipendentemente dall’anno di installazione.
  • Obbligo ogni anno per gli impianti centralizzati condominiali, indipendentemente dall’anno di installazione

4. Chi deve effettuare la revisione della caldaia? Chi rilascia il certificato del bollino blu?

La revisione della caldaia non va assolutamente presa alla leggera. Per questo occorre affidarla a un tecnico specializzato e certificato ESCo come quelli di CST. Nel corso della verifica prestiamo la massima attenzione all’efficienza del condominio e alla sicurezza di chi ci abita, con l’obiettivo di garantire la massima longevità dell’impianto di riscaldamento.

In caso la caldaia sia in regola e non necessiti di alcuna riparazione, il tecnico rilascerà il certificato di bollino blu. Altrimenti, verrà comunicata all’amministratore o al proprietario la presenza di un problema, spiegando di cosa si tratta e come risolverlo al fine di poter ottenere nuovamente il bollino blu.

5. Cosa succede in caso di mancata revisione della caldaia?

Come già detto, la revisione della caldaia è importante innanzitutto per garantire la sicurezza e il benessere dei condòmini. Ma c’è dell’altro. Il mancato controllo e manutenzione della caldaia comporta multe da 500 a 3.000 euro. Un sacco di soldi, insomma!

Scopri quando è obbligatorio il CIS (Certificato di Idoneità Statica)

Leave Comments

due × uno =

Top