sostituzione-caldaia-15-anni-cst-150x150.jpg
16 / 09 2019

Caldaia con Più di 15 Anni: Devi Sostituirla?

0 Comment Maurizio Calzolari

Devo per forza sostituire una caldaia di età superiore ai 15 anni?Questa si classifica tra le domande più frequenti che ci vengono poste dagli amministratori di condominio.

Come dargli torto. Con tutte queste informazioni in circolo su normative, ispezioni e multe, è naturale preoccuparsi. Per poi non parlare del benessere dei condòmini!

Specialmente in questo periodo. L’autunno è alle porte e in men che non si dica i condomìni dovranno riattivare il proprio impianto termico. E nel farlo, è bene assicurarsi che sia tutto in regola.

Prima di correre ai ripari, tuttavia, è importante informarsi a fondo. Occorre essere certi di prendere le misure corrette in base alla propria situazione condominiale: senza correre rischi con la legge, ma anche senza affrontare spese non necessarie. Nessuno dovrebbe – e vorrebbe – sostituire una caldaia che può ancora funzionare in modo idoneo.

Caldaia sopra i 15 anni: cosa dice la normativa italiana

Facciamo chiarezza! Da qualche anno in Italia sono entrate in vigore le direttive europee 2005/32/CE per l’Ecodesign e 2012/27/UE per l’Efficienza Energetica. Si tratta di un passo importante per garantire la sostenibilità dei condomìni nel nostro paese, visto l’impatto ambientale del riscaldamento (e raffreddamento) degli edifici.

Proprio su queste due direttive si basa la Normativa della regione Lombardia sugli impianti termici. Quello che pochi sanno, però, è che in realtà questa legge non impone direttamente alcun obbligo di sostituzione della caldaia.

Quello che è scattato dal 2015, è l’obbligo per i produttori di caldaie di terminare la produzione delle tradizionali caldaie a camera stagna, a favore delle caldaie a condensazione, sensibilmente più efficienti (fino al 30% di risparmio energetico). Per quanto riguarda la vecchia tecnologia, la vendita è rimasta legale fino a esaurimento scorte entro il 26 settembre 2018. Da allora non è stato più possibile installare le caldaie a camera aperta.

Hai una caldaia con più 15 anni? Ecco cosa devi fare

La Normativa vigente prevede delle alternative alla sostituzione della caldaia con più di 15 anni di età. In particolare, puoi:

  • “sostituire il/i generatore/i di calore di età superiore ai 15 anni secondo le disposizioni vigenti, se l’operazione è economicamente sostenibile, e darne comunicazione all’Ente Locale competente, come previsto dalle presenti disposizioni; oppure
  • dimostrare la diseconomicità della sostituzione del generatore di calore individuando e realizzando interventi diversi che consentano il rientro nei limiti dell’efficienza globale media stagionale dell’impianto termico. Tale indicazione dovrà essere contenuta nella relazione tecnica prima richiamata. Il limite di convenienza economica, al netto degli incentivi finanziari nazionali, regionali e comunali per la sostituzione del/i generatore/i di calore, è determinato dal recupero entro dieci anni dei costi dell’intervento.”

Tutto questo, nel rispetto dell’obbligo di verifica dell’efficienza energetica, che per gli impianti di potenza compresa tra i 10 e i 100 kW in Lombardia è ogni due anni. Per questo è fondamentale affidarsi a dei tecnici certificati, aggiornati e specializzati nella manutenzione e gestione degli impianti termici condominiali.

Sei in cerca di alternative alla sostituzione della caldaia per il tuo condominio? Scopri di più sul nostro Sistema CST Low NOx.

Leave Comments

1 × due =

Top